Close

Letter to my mother

Letter to my Mother by Amin Maher è vincitore del Venice Intercultural Film Festival 2020 (VIFF) Winner.
Un figlio si spinge ai limiti del suo rapporto con sua madre mentre svela le conseguenze psicologiche degli abusi sessuali subiti nell’infanzia. In una lettera cinematografica, audace e sincera, a sua madre, il regista Amin Maher rivela il più doloroso dei segreti dell’infanzia. Il film esplora la confusione di genere, la sessualità, il senso di colpa, la fantasia e la repressione in relazione alla violenza e all’identità. “Lettera a mia madre” è un mezzo per la sopravvivenza, un modo per alzarsi, parlare e capire. È un tentativo di rompere i tabù e spingere i confini – sia sociali che personali, e di creare vita e arte dalle esperienze più oscure Ci sono momenti in cui il cinema stesso sembra implicato in questa storia difficile, descrivendo gli abusi iniziati nel momento esatto in cui appariva in Ten (2002) di Abbas Kiarostami che mostrava la relazione della vita reale tra sua madre e Amin.


Come possiamo vedere la cultura iraniana nel tuo lavoro?

L’Iran mi ricorda la repressione, l’hijab delle donne e il Chador di mia nonna, il silenzio, le paure, l’avere una vita nascosta, l’ottimo cibo, Ghorme Sabzi, la lingua Farsi, i ricordi di guerra di mio padre, la discriminazione verso le donne e le persone queer , scuole per sesso unico e così via. Se potresti considerare l’Iran come quello che ho detto, allora sì. I miei lavori trattano questi elementi e continuano a farlo. Thomas Mann ha detto durante il suo esilio in America: “Dove sono io, c’è la Germania. Porto in me la mia cultura tedesca. Ho contatti con il mondo e non mi considero caduto”. Io sento lo stesso.

Sono nato e cresciuto in Iran, automaticamente ma in parte le mie opere rappresentano la cultura iraniana. Porto il mio passato con il mio corpo. Nel mio ultimo film Lettera a mia madre (2019), che nasce dalla mia esperienza di abusi sessuali da bambino da parte di un membro della famiglia per un periodo di quattro anni, la rasatura del mio corpo è diventata una metafora per scagionarmi da eventi traumatici. Allo stesso modo vestirsi da donna per rivivere le parti più oscure della mia esperienza

Non potevo girare apertamente un film documentario sulla mia esperienza di essere stata abusata sessualmente da bambino per un periodo di quattro anni. Non potevo tentare di creare vita e arte dalle mie esperienze oscure. Era impossibile. Probabilmente potrebbe avere conseguenze dolorose. All’interno dei molteplici filoni della pratica cinematografica, il mio cinema utilizza la terapia del trauma come tema ed è caratterizzato da alcuni fattori chiave: il suo approccio autoetnografico, il desiderio di un’onesta autoanalisi e un gioco con le nozioni di cinema, realtà e vita. Come vittima diretta di abusi, mi sono sentito in grado di dare uno spaccato di un’esperienza impossibile da immaginare. Mi è piaciuto quando il mio stupratore mi ha baciato il collo. Da bambino potresti divertirti a toccare, abbracciare, baciare ecc. Questo è uno dei motivi del mio silenzio. Per anni mi sono sentito in colpa perché mi piaceva. Porto ancora il dolore. Mi sento ancora stupido. Se voglio fare film in Iran, personalmente devo mentire perché il mio cinema richiede follia, coraggio e onestà. Tratta i temi della violenza sessuale e del genere in relazione alla sessualità e ai ruoli di potere. Cerco di rompere silenzi e tabù. Pertanto, attraversa le linee rosse del regime iraniano.

Voglio spingere i confini. Anche a Berlino, che attualmente è una delle città più liberali del mondo, sono lo stesso. Tuttavia, in Iran devo nascondermi e censurarmi. Devo censurare chi sono. Ho lasciato l’Iran dopo essere stato nella prigione di Evin a causa delle mie attività politiche. Con il mio corpo, porto sia le parole del mio interrogatore sia la gioia di mescolare l’etanolo con la Coca Cola, bevendolo nel parco con gli amici quando il nostro rivenditore non poteva consegnare birra o vino. In Iran è vietato bere alcolici. Ho finito Lettera a mia madre (2019) qui a Berlino. Non lo chiamo un film iraniano o tedesco. Sono entrambi o nessuno di loro. Come me, il film non ha casa. È la combinazione della prigione di Evin, dei campi profughi e di me. Io, Teheran e Berlino, Ghormeh Sabzi e una cena fredda.

Io che sgrido mia madre per le strade di Teheran e me che indosso il mio reggiseno rosa a Berlino per rivivere le parti più oscure della mia esperienza. Non volevo intenzionalmente mettere in discussione l’identità; la mia vita mi ha costretto a farlo. Il problema è che non potevo fare film in Iran. Sohrab Shahid Sales, che conosco come la figura principale del cinema new wave iraniano, ha detto: “La casa è dove posso fare film liberamente”. Mi sento lo stesso. Se un giorno Berlino sarà bombardata di nuovo o non mi permetteranno di dire la verità e rappresentare la realtà e confessare o parlare delle mie vergogne e dolori, andrò da qualche altra parte. Forse la prossima volta chiederò asilo su Marte. La mia casa sarebbe Marte se potessi fare film lì. Non m’importa di non poter tornare in Iran. Non so cosa o dove sia l’Iran. So solo che porto il mio passato con il mio corpo come porto i miei occhi, i miei capezzoli e le mie mani, o forse mi portano.

B. La perdita della parola è una reazione tipica di chi ha subito un trauma. Per alcuni sopravvissuti alla shoah, il silenzio è durato 20 o 30 anni. Cosa hai pensato durante il tuo periodo di silenzio e cosa ti ha fatto parlare?

Rompere il silenzio ha richiesto l’osservazione personale, l’analisi e il coraggio che si sono manifestati attraverso il mio uso di strumenti e tecniche cinematografiche, principalmente attraverso l’uso di strumenti di cinema documentario, come l’uso di materiale d’archivio, interviste, narrazione e ricreazioni . Questo film ha evocato un dibattito sociale più ampio, evidenziando la necessità e il beneficio dei sopravvissuti e delle comunità di poter parlare apertamente di queste esperienze. Durante il mio periodo di silenzio, ho cercato soprattutto di ignorare il trauma. Ho cercato di scappare dal trauma. Immagino che questo sia quello che facciamo tutti. Il trauma era più forte di me. Mi ha seguito tutto il tempo e continua a farlo. È doloroso e distruttivo. Ora sono più forte, ma mi sono fatto male e mi sono danneggiato molto. Dipendenza, depressione, tentativo di suicidarsi ecc. Non sto scherzando. Era seriamente una situazione pericolosa. Il trauma voleva rendermi sempre più piccolo, voleva uccidermi lentamente ma ora almeno non ha il potere di renderlo possibile perché ho buone ragioni per vivere e questo è fare cinema. Almeno ho trovato un significato per la mia vita.

Posso sentirmi utile. Ancora ho delle storie da raccontare. Ci sono ancora segreti e verità che devo rivelare. È una battaglia con me stesso. È un duello. C’è una scena di guerra nel mio corpo e nella mia mente. Chi vincerà? Non lo so. Ho combattuto, dato via e perso molto fino a quando non ho scoperto e ricostruito la mia identità. In tempo di pace, i combattenti combattono contro se stessi. Ho spesso abusato e ucciso di me stesso, ma raramente sono rinato. Pertanto, devo celebrare il fatto che ho rotto il mio silenzio e ho intenzione di ricostruire la mia identità. Dopo aver rotto il mio silenzio, la mia famiglia e la società mi hanno chiuso. Non ho potuto chiedere giustizia. Sono andato alle stazioni di polizia in Malesia e Germania. Mia madre ha fatto lo stesso nel Regno Unito e in Canada poiché vive a Londra e lo stupratore vive in Canada. Abbiamo segnalato il caso, ma le risposte sono state dolorose. Non erano disposti ad aiutare me e mia madre. Spero che tu capisca quanto sia doloroso per mia madre.

Hanno detto che, dato che lo stupro è avvenuto in Iran, dovresti chiedere giustizia lì. Sapevano che non possiamo tornare nei nostri paesi. Non che vogliamo la vendetta, ma era per non essere rimasti in silenzio e rimanere a pezzi. Non si trattava solo di un mio diritto, ma dei diritti dei bambini, dei diritti umani. Dovevamo lottare per prevenire casi simili, ma siamo stati chiusi, prima dalla nostra famiglia e poi dalla legge, dalla società e dalla politica. È dolorosamente divertente che la nostra famiglia, la legge, la società e la politica proteggano non noi ma lo stupratore. Lo stupratore viaggia liberamente in tutto il mondo e ha legami con tutti, compresi i bambini.

Quello che ho vissuto, non è stato un abuso dolce. Era duro. È stato un abuso con tante conseguenze psicologiche. Sono stato in silenzio per secoli. non potevo parlare. Tuttavia, la terapia e il cinema potrebbero aiutarmi a svelare questi segreti. Ho rotto il silenzio con il film, Lettera a mia madre (2019). Ho inviato a mia madre una bozza del film e le ho condiviso i segreti della mia infanzia. Aveva bisogno di sapere cosa mi aveva fatto il suo familiare. Per anni ho portato il senso di colpa, vergogna e pressione. Ho cercato molto che la mia storia non fosse una storia di vittime, ma piuttosto un’opera d’arte di esperienze oscure, un esame per esaminare con precisione il tema degli abusi sui minori. Pensavo che molti bambini subissero abusi sessuali ogni giorno e come me mantengono il silenzio per secoli o per sempre. Il mio terapeuta, Dariush Baradari, ha detto: “Lo stupro avviene perché le persone tacciono su di esso”. Ho pensato che potrebbero esserci altri bambini in pericolo anche adesso mentre rispondo alle tue domande. Anche se il mio film aiutasse anche una persona in più a rompere il suo silenzio, ne vale la pena. Pensavo di poter creare arte e vita dalle mie esperienze oscure. Posso invitarci a rompere i nostri silenzi, a condividere il nostro comune dolore globale. Spero che il mio cinema non mi lasci in pace perché potrei diventare un criminale o porre fine alla mia vita. I traumi potrebbero diventare più forti di me. Non mi resta altro che il mio cinema. Ho rotto il mio silenzio perché non c’era altro modo. Il film, Letter to My Mother (2019), è stato davvero un mezzo di sopravvivenza, un modo per alzarsi, parlare e capire.

C. Il cinema ha cambiato la tua vita? Come?

In molti modi il cinema ha cambiato la mia vita. Il cinema è la mia vita, e la mia vita è il cinema. La mia vita è stata davanti alla telecamera da quando ero bambino e sono stato protagonista del film Ten di Abbas Kiarostami. Mia madre ha installato le telecamere in macchina ea casa per filmarmi. Questo materiale è diventato il materiale grezzo per il film, basato sulla vita reale di mia madre e di me. Quattro anni dopo, quando a mia madre è stato diagnosticato un cancro, ho recitato nel suo film documentario, Ten + Four, che parlava della sua battaglia per la vita, senza sapere se sarebbe sopravvissuta al processo. Dopo il mio coinvolgimento in questi film e in altri, ho deciso di utilizzare il cinema come una forma di autoesplorazione nei miei progetti. Tra me e mia madre, il cinema è diventato un mezzo di comunicazione. Nonostante la nostra stretta relazione, alcuni segreti sono rimasti nascosti. Nella mia prima lettera cinematografica a lei, Letter to My Mother (2019), ho condiviso il mio segreto più profondo: quello della mia infanzia sessuale che è iniziata nel momento esatto in cui stavo comparendo in Ten di Kiarostami. Infine, mi sono sentito particolarmente a mio agio nel confidare a mia madre queste esperienze, ma il rapporto a tre tra mia madre, me stesso e questa storia traumatica è ovviamente estremamente complesso. Mia madre, Mania Akbari, è una regista iraniana affermata che vive a Londra. Ha deciso di replicare al mio film, Letter to My Mother (2019) stabilendo un progetto che ora si è costruito in un dialogo continuo.

Nella mia seconda lettera cinematografica, rivelo per la prima volta un nuovo segreto a mia madre. I problemi di vergogna e biasimo potrebbero non essere mai completamente risolti e ho intrapreso questi progetti con la consapevolezza che devono essere affrontati in modo intuitivo piuttosto che prescrittivo. Queste difficoltà erano una parte centrale dei progetti e come tali sono state affrontate. Il mio rapporto con il cinema attraversa tutta la mia vita e ci sono momenti in cui il cinema stesso sembra coinvolto nelle mie storie. Una domanda centrale, forse impossibile da rispondere, è fino a che punto questi desideri sono una parte intrinseca di me e fino a che punto sono il risultato della mia storia? Questi due fattori sono separabili? I miei progetti cinematografici esplorano la nozione di cinema come forma di terapia del trauma. Per me, il cinema è sempre stato un processo di autoesplorazione con implicazioni sociali più ampie. Recenti studi neurologici dimostrano quanto sia plastico e mutevole il cervello, soprattutto di fronte a traumi. Siamo fisicamente alterati da queste esperienze. Fare film come questo non significa cercare conforto, ma piuttosto affrontare attivamente questi cambiamenti.

D. Tua madre sembra aver svolto un ruolo molto importante nello sviluppo della tua capacità artistica. È vero anche il contrario?

Nella mia seconda lettera cinematografica, rivelo per la prima volta un nuovo segreto a mia madre. I problemi di vergogna e biasimo potrebbero non essere mai completamente risolti e ho intrapreso questi progetti con la consapevolezza che devono essere affrontati in modo intuitivo piuttosto che prescrittivo. Queste difficoltà erano una parte centrale dei progetti e come tali sono state affrontate. Il mio rapporto con il cinema attraversa tutta la mia vita e ci sono momenti in cui il cinema stesso sembra coinvolto nelle mie storie. Una domanda centrale, forse impossibile da rispondere, è fino a che punto questi desideri sono una parte intrinseca di me e fino a che punto sono il risultato della mia storia? Questi due fattori sono separabili? I miei progetti cinematografici esplorano la nozione di cinema come forma di terapia del trauma. Per me, il cinema è sempre stato un processo di autoesplorazione con implicazioni sociali più ampie. Recenti studi neurologici dimostrano quanto sia plastico e mutevole il cervello, soprattutto di fronte a traumi. Siamo fisicamente alterati da queste esperienze. Fare film come questo non significa cercare conforto, ma piuttosto affrontare attivamente questi cambiamenti.

Beh, tutti pensano che avere una madre che è una regista affermata sia solo un grande vantaggio, il che potrebbe essere in parte vero, ma nessuno vede gli svantaggi. Non vedono come la relazione madre e figlio possa essere complicata. Primo, quelli che odiano mia madre o non amano i suoi film, automaticamente non non amano i miei. E quelli a cui piace lei, mi vedono sempre come un bambino e non mi prendono sul serio. Non è giusto. Siamo due esseri umani totalmente diversi e soprattutto il nostro cinema è molto diverso. Ha solo 16 anni più di me, ma veniamo comunque da due generazioni diverse. Certo, ci sono alcune somiglianze, ma la nostra mentalità, il nostro stile e i temi dei nostri film sono molto diversi. La gente dimentica come la vita di un regista possa essere complicata e difficile. Mia madre ha sempre cercato di non farmi diventare un regista. Mi ha sempre incoraggiato a studiare matematica ea diventare ricco. Perché ha visto quanto sia difficile essere un’artista, soprattutto come donna in Iran. Non voleva gli stessi dolori e lo stesso difficile cammino per suo figlio. Come regista, non ha mai tempo. Le persone potrebbero non sapere quanto sia difficile diventare un regista quando tua madre è una persona affermata. Richiede sempre un doppio sforzo. Preferisco continuare a fare film piuttosto che parlarne. Non è così facile essere il figlio di un regista. Ci sono nuove lettere cinematografiche a mia madre che sto scrivendo ora in cui verranno rivelate più verità e segreti. Non ne è a conoscenza, ma a un certo punto dovrebbe saperlo. Beh, posso solo osare parlare davanti alla mia telecamera, non in un’intervista. Perché i film possono solo riflettere le mie emozioni in modo onesto e ritrarre le mie vergogne e i miei dolori. Molti aspetti si possono dire solo con le immagini che si muovono e/o gli oggetti che si muovono al loro interno. Ho bisogno di lavorare con il movimento e il tempo per esplorare le mie emozioni, ciò che mi circonda e me stesso. Tutto è lento. Ti senti annoiato. Improvvisamente, la verità viene rivelata, guardo nella telecamera e confesso quanto mi vergogno e mi sento in colpa. Il rasoio mi taglia il capezzolo, il sangue esce e vorerei dire: taglialo! Qual è la scena successiva? Non lo so ancora.